L'amianto


image11571

L'Eternit:

E' un amalgama di cemento e amianto brevettato nel 1901. Circa due anni dopo si inizia la produzione su scala industriale di vari elementi in amianto.

L'eternit diventa diffusissimo e in data 1911 la produzione di lastre e tegole è a pieno ritmo.

Nel tempo in Eternit sono state prodotte e diffusi milioni di elementi dalle più svariate applicazioni non solo in campo delle costruzioni.

Dalle lastre di rifinitura edile alle tegole, tubi per acquedotti e canne fumarie, lastre di rivestimento e copertura ondulate per tetti e capannoni di tipo industriale e persino fioriere e sedie da spiaggia in Eternit.

Non sussiste alcun obbligo per la rimozione dei prodotti in cemento-amianto purché lo stato in cui si trova non è fonte di rischio. Potrebbe invece essere obbligatorio procedere ad uno degli interventi previsti per legge (incapsulamento, sovracopertura o rimozione) nel caso in cui questo risultasse friabile a causa di un accentuato stato di degrado.


Che cos è:

L'amianto (o asbesto) è un minerale naturale a struttura microcristallina e di aspetto fibroso. Le fibre di amianto sono molto addensate ed estremamente sottili. La struttura fibrosa conferisce all'amianto sia una notevole resistenza meccanica sia un'alta flessibilità. Infatti resiste al fuoco ed al calore, all'azione di agenti chimici e biologici, all'abrasione e all'usura (termica e meccanica). E' facilmente filabile e può essere tessuto. E' dotato inoltre di proprietà fonoassorbenti oltreché termoisolanti. Si lega facilmente con materiali da costruzione e con alcuni polimeri. Per questo motivo l'amianto è virtualmente indistruttibile. I principali giacimenti di amianto sono collocati in Canada, Brasile ed Italia (dove, sino al 1990 era attiva la miniera di Balanghero (TO), la più importante in Europa). Alla fine degli anni '60 si trovavano già in commercio oltre 3.000 prodotti contenenti amianto. Dal 1992 con la legge n. 257/92, l'amianto viene dichiarato fuori legge in Italia ed a partire dal 1994 ne viene vietata l'importazione, l'estrazione e la commercializzazione.





Rischi per la salute:

La potenziale pericolosità dei materiali contenenti amianto dipende dall'eventualità che siano rilasciate nell'ambiente fibre aerodisperse che possono venire inalate. La respirazione di tali fibre può provocare principalmente tre malattie: l'asbestosi, il mesotelioma pleurico e dei bronchi ed il carcinoma polmonare.

Il cancro polmonare è mortale nel 95% dei casi.

Il mesotelioma è inguaribile e porta generalmente alla morte entro 12-18 mesi dalla diagnosi.

L'effetto cancerogeno dell'amianto è gravemente potenziato dal fumo di sigaretta.



 


Sede legale: Via San Faustino, 53 - 56025 Pontedera (PI)
P.IVA/CF: 01926490507 - CCIAA Pisa 166293 - Capitale Sociale € 10.000,00 i.v.
Corrispondenza: Ufficio Livorno Centro - Casella Postale 193 - 57123 Livorno (LI)

  Site Map